Vanno avanti gli scontri nella Mezzaluna petrolifera, in quella che rischia di diventare una vera e propria catastrofe umana ed ambientale. Fonti locali ci hanno inviato queste immagine che mostrano una seconda cisterna per l’immagazzinamento nel porto di Ras Lanuf in fiamme dopo gli scontri di questa mattina tra le forze dell’esercito nazionale, sotto l’egida di Khalifa Haftar, ed i gruppi appartenenti ad Ibrahim al-Jidran. Secondo alcuni impegati la cisterna conteneva oltre 200.000 barili di greggio, anche se al momento non vi sono conferme da parte della National Oil Corporation (NOC).

Nel frattempo, i vigili del fuoco della compagnia Ras Lanuf Oil & Gas processing Co.  starebbero ancora cercando di spegnere le fiamme del serbatoio “Haruj 12”, continuando a proteggere il resto degli impianti.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...