Proteste contro le forze di Haftar a Sirte in seguito ad una serie di arresti

Fonti locali riferiscono di proteste popolari contro la campagna di arresti avviata nei giorni scorsi dalle forze di sicurezza affiliate al Libyan National Army (LNA) sotto il comando del generale Khalifa Haftar. Le tensioni sono iniziate da oltre una settimana, quando un movimento apparentemente pro-Gheddafi ha organizzato manifestazioni in sostegno della candidatura del figlio del rais, Saif al-Islam.

Il 20 e 21 agosto, le manifestazioni del movimento verde si sono svolte regolarmente, ma oggi i residenti denunciano l’arresto di diversi giovani, tra cui: Nasr Mohamed Belkacem Al-Zayani, Abdul Hadi Attia Al-Zayani,
Gaddaf Addam Eawaydat, Aseel Mohammed Zaid, Milad Salem Farhat, Ali Abdullah Saeed, Hamza Ali Al-Suwaidi, Hamza Badri Asbaa, Ali Gomaa Imran, Osama Hassan Al-Saadi, Majdi Hassan Al-Saadi.

I residenti hanno minacciato il generale Khalifa Haftar di chiudere la strada che collega Sirte alla Libia meridionale, avvertendo inoltre Imrajaa, il comandante della Brigata Tariq Bin Zayed, che il suo gruppo non è benvenuto a Sirte. Alcuni presenti hanno riferito di un inseguimento e una sparatoria all’interno della città, dove un giovane sarebbe rimasto ucciso. Secondo l’iniziativa del premier Fayez al-Serraj e il presidente del Parlamento Aguila Saleh, la città di Sirte dovrebbe essere demilitarizzata ed affidata ad una forza di polizia congiunta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: