“Dov’era AFRICOM durante l’attacco a Tazerbo?”

Di Vanessa Tomassini.

“Dov’era AFRICOM mentre i cittadini venivano ammazzati come bestie durante l’ultimo attentato di Daesh a Tazerbo? Perchè non è intervenuto in quel momento visto che è certo di agire sempre con estrema precisione?” Sono queste alcune delle domande che si pongono i residenti della regione di Ubari che hanno condannato fermamente l’ultimo raid aereo nei pressi di Al-Awinat a circa 130 km da Ghat. Nell’attacco aereo ad alta precisione, AFRICOM ha dichiarato di aver ucciso 11 terroristi. “Perchè non pubblicano i nomi delle vittime?” rispondono dall’altra parte, accusando il comando degli Stati Uniti in Africa di aver ucciso persone innocenti delle tribù del sud della Libia, sulla base di informazioni errate fornite dalle autorità libiche. I cittadini hanno fatto appello al Governo di Accordo Nazionale affinchè apra un’inchiesta sulla vicenda, sottolineando che non ci sono evidenze che colleghino alcune delle persone uccise ad attentati o ad organizzazioni terroristiche ed hanno invitato le organizzazioni umanitarie locali ed internazionali ad alzare la loro voce per la verità. Al momento non c’è stata alcuna reazione da parte di AFRICOM.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: